Network Marketing: Pregiudizi e luoghi comuni da sfatare

Il mondo del lavoro è cambiato, qualcuno di voi se n’ è accorto?

Credo che oggi nel mondo del lavoro ci sia da fare chiarezza.

Se state cercando un lavoro è importante valutare tutte le opportunità che ci sono oggi e semplicemente decidere di diventare attraenti verso questa nuova realtà.

Contrariamente a quanto dicono siamo veramente nell’ abbondanza di opportunità: una di queste, la più grande opportunità al mondo è rappresentata dal Network Marketing.

Ma quali sono i pregiudizi e i luoghi comuni che ruotano intorno a questa straordinaria industria?

Errato schema di lavoro:

Nonostante si pensi all’ attività tradizionale, spesso questo non si considera come un lavoro e si crede di guadagnare soldi facili…

Non è così!

Non è un lavoro:

Al contrario, è un lavoro a tempo indeterminato, dove solo noi possiamo stabilirne la durata. E’ un lavoro a tutti gli effetti, dove devi pensare, organizzarti ed agire con costanza.

Non ha stabilità:

La stabilità viene determinata da certi requisiti come i risultati aziendali, legalità, stabile organizzazione sul territorio internazionale, management affidabile e duraturo, regolarità nei pagamenti, autorizzazioni ministeriali… E’ stabile se chi lo pratica ha la coscienza di cosa vuol dire lavorare con costanza ed obiettivi.

Solo pochi riescono:

Errata concezione tramandata di generazione in generazione affinchè solo pochi riuscivano mentre in realtà il Network Marketing permette a tutti di raggiungere i propri obiettivi. E’ la forma di marketing più democratica che esista.

E’ un lavoro al femminile:

Molte donne oggi hanno veramente coraggio, autostima e determinazione, sono pronte a mettersi in gioco, rimboccarsi le maniche e lavorare duro per ambizione e/o per aiutare a migliorare l’ economia familiare. Gli uomini, spesso scettici, quando iniziano i grandi guadagni salgono sul carro dei vincenti!

Poca garanzia:

La poca conoscenza delle regole e garanzie che ci sono in questa attività creano spesso critica e giudizio, forse solo perchè siamo abituati all’ attività tradizionale ed al posto fisso che ormai non esiste più. Tutto questo è spesso gestito dai nostri schemi mentali. Se spegni la voce del giudizio, ti si apre un mondo di crescita ed abbondanza garantite, sperimentate.

E’ legale?

Assolutamente si , legale e tutelato da una legge (Legge 173/2005) e da regolamento aziendale creato su misura, ognuno ha le stesse possibilità senza esclusioni o scale di gerarchia ormai obsolete.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *